Delitto tentato

DELITTO TENTATO E DESISTENZA VOLONTARIA. L’articolo 56, comma III, c.p. disciplina la desistenza volontaria, ravvisabile in tutti i casi in cui, il reo, interrompe l’azione delittuosa intrapresa. La desistenza produce un duplice effetto: il tentativo del reato programmato non è punibile; sono punibili gli atti commessi durante il tentativo sempre che i medesimi costituiscano autonomo […]