Procedimento penale

PROCEDIMENTO PENALE - FASCICOLO DELLE INDAGINI DIFENSIVE.
Le attività difensive svolte dai legali dell'indagato, consistenti in una serie di consulenze tecniche di parte allegate al fascicolo delle indagini difensive depositato all'udienza preliminare, devono essere valutate dal Gup come espressione delle indagini difensive, da far refluire al fascicolo dell'udienza preliminare e da utilizzare per la decisione e non come memorie dfensive scritte. (Nel caso di specie la Corte di Assise di Locri ha censurato la decisione del Gup di Locri che contrariamente alle richieste della difesa dell'indagato, aveva acquisito le consulenze tecniche della difesa alla stregua di mere memorie scritte difensive e non come consulenze tecniche di parte, sull'erroneo presupposto che l'art. 327 bis c.p.p. limiterebbe la facoltà di ricorso all'ausilio di consulenti tecnici per compiere rilievi ed accertamenti tecnici solo in occasione dell'accesso ai luoghi ex art. 391 sexsies e 391 septies c.p.p. sicchè si reputa per esempio non possibile il compimento, quale atto di indagine difensiva, di una consulenza sullo stato psichico di una persona.) (CORTE D'ASSISE DI LOCRI).


PROCEDIMENTO PENALE - DECRETO DI ARCHIVIAZIONE.

E' illegittimo il decreto con il quale il Giudice di Pace accogliendo de plano richiesta di archiviazione delle indagini formulata dal PM, senza dare conto delle ragioni e delle richieste espresse dalla P.O. con rituale atto di opposizione formulato avverso la richiesta del PM di archiviazione del procedimento penale.
(CORTE DI CASSAZIONE).